La vita è troppo breve per essere vegetariani?

Di recente ho guardato un documentario: Earthlings, ovvero “abitanti della Terra”, in cui il termine abitante include non solo noi esseri umani, ma ogni specie animale. Questo documentario, parla del trattamento, o meglio delle torture inflitte agli animali per il benessere umano. Tutto è mostrato senza filtri e mentre lo guardavo ero divisa tra il voler continuare e scoprire quanto orribile potesse essere e, nel contempo, il mollare a metà.

Così ho iniziato a riflettere su quello che avevo visto e sull’ipotesi di diventare vegetariana, cercando essere il più imparziale possibile.

Non credo che la dieta vegetariana sia la più giusta per il nostro organismo. Dal punto di vista biologico, non siamo né erbivori come le mucche, né carnivori come i leoni. Siamo onnivori: mangiamo tutto, perché abbiamo bisogno di tutti i nutrienti, che siano proteine o carboidrati. Che lo vogliamo o no, siamo una via di mezzo.

Secondo la dieta mediterranea la carne è necessaria e fa bene nei limiti che, a dirla tutta, sorpassiamo quotidianamente. Prima del consumo, però, avviene l’uccisione dell’animale e qui la questione inizia a farsi etica.
Senza dubbio esiste un cerchio della vita, una determinata gerarchia di prede e predatori: sarebbe triste il leone che uccide la zebra per sfamarsi? No, perché sarebbe una cosa naturale. Il leone prende dalla natura solo ciò che gli serve, nella quantità giusta, senza alterare quel cerchio vitale.mof4v0b

Quello che differenzia gli uomini moderni sono due fattori: l’accumulo e la crudeltà.

È risaputo che si getta via più del cibo che si consuma, e questo vale anche per le carni. Inoltre, noi dovremmo ricavare dalla carne solo il 20% del fabbisogno: mangiarne troppa non aiuta il nostro corpo. Si dovrebbe risparmiare per altri cibi.

Infine, quello che è mostrato nel documentario: la crudeltà. Capisco che l’uomo abbia bisogno di carne, ma ciò non giustifica la cattiveria. Questo atteggiamento si ripercuote dal modo in cui gli animali sono trattati nei macelli, fino al modo in cui vengono uccisi. Senza la coscienza che anche quelle siano delle vite.

Solo una minima parte delle uccisioni viene fatta con l’eutanasia, come si farebbe per qualsiasi altra vita. Ma l’eutanasia costa, quindi forse sarebbe meglio l’elettrocuzione o un colpo alla testa? Gli animali fanno parte di un ciclo di vita e morte, nel quale rientriamo anche noi, ma non significa che debbano vivere e morire nella sofferenza.

tumblr_nlzsyfQ4vR1uq339vo1_540A questo punto, si potrebbe parlare di specismo, ovvero di razzismo di specie. In passato gli uomini stessi sono stati costretti alle stesse condizioni infime di vita: ci sono voluti anni per capire che ebrei non fossero una razza diversa, nè tantomeno inferiore. La loro voce umana, volente o nolente, è stata ascoltata, ma gli animali hanno una voce diversa che può essere facilmente ignorata.

Non sono vegetariana (per ora) e non sto cercando di convertirvi, ma voglio analizzare la questione. Il nostro consumo di carne ha ampiamente superato i limiti, in termini nutrizionali e umani. Mangiare la giusta quantità di carne, quella che rientra nel ciclo della natura sarebbe l’ideale, ma sarebbe veramente possibile? Credo che oggi, l’unica reazione alle torture inflitte agli animali sia diventare vegetariani, provare a ridurre il consumo, ridurre lo sfruttamento.

Ma alla fine dei conti, ne vale la pena? Viviamo in media 80 anni, tra intolleranze e allergie, dobbiamo anche complicarci la vita con queste storia dell’essere vegetariani? Forse sì. Ma la carne è importante, fa bene! Se avessimo voluto veramente mangiare sano, avremmo già rinunciato al cibo dei fast food, rinunciando così a un’enorme quantità di carne “extra”.

Credo che mangiare vegetariano sia una scelta etica, in un momento in cui gli uomini giocano pericolosamente con altre vite. 

No one really knows how the game is played

The art of the trade

How the sausage gets made

We just assume that it happens

But no one else is in

The room where it happens

(Hamilton the musical)

Alessia xx

lethologica: impossibilità nel ricordare un’esatta parola

Annunci

One thought on “La vita è troppo breve per essere vegetariani?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...